fbpx

Bitcoin e criptovalute: mondi differenti

Con il termine “criptovaluta” si indica ormai un settore talmente vasto e in così forte espansione che i suoi confini sono davvero complessi da tracciare.

Per questo motivo diventa fondamentale distinguere tra Bitcoin e il mare magnum di prodotti che si è formato dopo la sua nascita, ovvero le “altcoin” (da “alternative coin”, moneta alternativa), tutte le criptovalute al di fuori di Bitcoin.

Bitcoin, prima di essere una valuta, è una tecnologia distribuita, ovvero un protocollo la cui gestione non è in mano ad alcun soggetto singolo, bensì alla comunità intera.

Solo tramite la decentralizzazione del controllo è davvero possibile rivoluzionare il sistema economico perché un ente centrale potrebbe essere corruttibile o vulnerabile alle minacce dei regolatori. 

Bitcoin è la rete più distribuita attualmente esistente. Tutte le altcoin, anche se in misure diverse tra loro, sono più centralizzate e meno sicure. Stiamo parlando di un oceano di nuovi strumenti per scambiare valore dal controllo centralizzato o semi-centralizzato e per questo motivo affini a un paradigma non diverso da quello esistito finora: quello in cui il successo delle operazioni all’interno della rete è garantito e dipende da un singolo o da pochi attori. In parole più semplici, non è più la sola banca a processare le operazioni ma sono i pochi soggetti coinvolti nella gestione della rete.

Bitcoin, al contrario, è un vero e proprio sistema finanziario alternativo che implica una concreta eliminazione dell’intermediario: altcoin e finanza tradizionale rappresentano ciò che Bitcoin vuole cambiare.

Per ulteriori approfondimenti, consulta la newsletter Bitcoin Train.
https://bitcointrain.substack.com/

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

La pressione fiscale uccide le imprese italiane

Dal 2023 partiranno i tagli per rientrare dal debito pubblico perché “ce lo chiede l’Europa” ma soprattutto, ci sarà la lotta all’evasione fiscale, ma di abbassare la pressione fiscale come “spada di Damocle” che affossa le imprese italiane non si parla.

Le imprese italiane condannate a chiudere

Oggi le imprese italiane sono sotto assedio, circondati: la pressione fiscale, mancanza di materie prime con gli aumenti oramai giornalieri, spaventoso l’aumento delle utenze, l’inflazione, il calo dei consumi, l’unica soluzione è la chiusura o se possono la delocalizzazione.