fbpx

La OCSE non dice il vero sul Cuneo Fiscale in Italia

La OCSE inganna gli italiani dichiarando che il cuneo fiscale sul costo del lavoro è del 46,5% e pertanto al terzo posto in Europa. Ma in che senso non dichiara il vero?

La risposta è semplice: il cuneo fiscale reale del costo del lavoro si calcola non sulla media del singolo individuo, ma sulla somma dei salari corrisposti in un anno, sui contributi previdenziali assistenziali incassati dagli enti dello Stato e dalle imposte dirette.

Quindi:

L’Italia è il paese industrializzato che ha il cuneo fiscale più alto del mondo; molto più del 46,5% dichiarato dall’OCSE riferito all’anno 2021.

Noi Autonomi e Partite Iva vogliamo abbattere il cuneo fiscale portandolo dal 60% al 30%, dividendolo in parti uguali tra i lavoratori dipendenti e autonomi e partite iva, entrambi al 15%; quindi, circa 500 euro in busta paga ai nostri dipendenti per i loro consumi e 500 euro di risparmio agli Autonomi e Partite iva, per essere più competitivi e poter assumere più personale.

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

Il Geoscambio

Se viene accoppiato a solare termico e a fotovoltaico diventa virtualmente eterno e a costo di produzione energetica pari a zero.

Cuneo Fiscale: i lavoratori non sono tutti uguali

Negli ultimi mesi si è riacceso in Italia l’annoso dibattito sulla riduzione del cuneo fiscale e contributivo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e il netto che finisce intasca al lavoratore.