fbpx

Il tramonto delle Partite Iva: una su quattro è povera

di Shahab Shirakbari

Le famiglie che vivono grazie ad un reddito da lavoro autonomo sono quelle più a rischio povertà è il prezzo che paghiamo per restare in Europa è di farci impoverire tutti.
Un rischio povertà maggiore di quello a cui è esposto un pensionato o un lavoratore dipendente che già vivono con un stipendio o una pensione da fame.
E l’effetto della crisi indotta e permanente ha colpito soprattutto il ceto medio, nel 2015 il 25,8% dei nuclei familiari di questa categoria si è ritrovato stentatamente al di sotto della soglia di rischio povertà calcolata dall’Istat.
Pagano i contributi INPS più che le tasse: Un lavoratore autonomo che fattura 20.000 euro in un anno, ha come reddito netto solo 14.000 euro, poiché paga, fra tasse e contributi INPS, circa 6000 euro all’anno, su mille euro guadagnati da un autonomo gli resteranno in tasca 600 euro.

Parliamo di un proletariato a tutti gli effetti che non ha diritto alle tutele e versa contributi per una pensione, ma rischia di non averla mai.

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

La pressione fiscale uccide le imprese italiane

Dal 2023 partiranno i tagli per rientrare dal debito pubblico perché “ce lo chiede l’Europa” ma soprattutto, ci sarà la lotta all’evasione fiscale, ma di abbassare la pressione fiscale come “spada di Damocle” che affossa le imprese italiane non si parla.

Le imprese italiane condannate a chiudere

Oggi le imprese italiane sono sotto assedio, circondati: la pressione fiscale, mancanza di materie prime con gli aumenti oramai giornalieri, spaventoso l’aumento delle utenze, l’inflazione, il calo dei consumi, l’unica soluzione è la chiusura o se possono la delocalizzazione.