fbpx

Il Geoscambio

Il Geoscambio è la tecnologia di scambio di calore con il suolo.

Serve per estrarre calore dalla terra e consegnarlo dove ci interessa.  E serve anche al contrario: cioè per estrarre calore dagli ambienti caldi e cederlo al suolo.

Quindi si usa sia per riscaldare che per raffrescare.

Il sistema non necessita di risorse minerarie o naturali, si basa solo sul principio che il caldo fluisce spontaneamente dove fa più fresco: se gli si indica la strada possiamo dirigerlo dove ci comoda.

Quell’energia (calore) la possiamo usare in molti modi.

Il sistema è ottimo per climatizzare gli ambienti.  Una combinazione di scambiatori con il suolo e di pompe di calore costituisce il cuore di un impianto di climatizzazione che può essere adattato a numerose esigenze.

Questa tecnologia non produce fumi, né gas, né vapori, né polveri, né rumori.  Non necessita di risorse.  Si basa su di una semplice idea e per questo è disponibile liberamente dovunque e per chiunque.

Se viene accoppiato a solare termico e a fotovoltaico diventa virtualmente eterno e a costo di produzione energetica pari a zero.

Per maggiori informazioni inviate una email a dip.ambiente-energia@autonomiepartiteiva.org

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

Il Geoscambio

Se viene accoppiato a solare termico e a fotovoltaico diventa virtualmente eterno e a costo di produzione energetica pari a zero.

Cuneo Fiscale: i lavoratori non sono tutti uguali

Negli ultimi mesi si è riacceso in Italia l’annoso dibattito sulla riduzione del cuneo fiscale e contributivo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e il netto che finisce intasca al lavoratore.