fbpx

Giù la maschera. Il Re è nudo.

L’ora decisiva si avvicina. È il 6 giugno… ma non è il racconto del 1944… siamo nel 2020 e combattiamo il Covid facendo attenzione a non morire di fame. I soldi ci sono. L’Europa della Finanza si è riscoperta “alleata” della crescita. Si è forse capito che il gioco del capitalismo è bello se la distribuzione del reddito è significativamente equa. Altrimenti chi sta molto, ma molto bene, rischia molto molto grosso. Con un default di sistema o con una pessima qualità della vita… per dirla con cortesia e garbo. A Napoli diciamo due cose da sottolineare in questo momento: 1. il Popolo ti fa Re; 2.Chi è il più potente? il Papa il Re e chi non ha niente… Se il Re (la Politica) si sveglia e si rende conto del Potere che dispone, il primo a fare la spese da una crisi di sistema è il ricco egoista signore della Finanza non etica. Quindi giù le maschere. Tutti. Adesso il popolo italiano soffre e bisogna stare attenti a fare annunci. Ce ne sono troppi in giro che non reggono. Allora mi chiederete come andrà a finire? Come spero da tempo. Subito un Governo istituzionale, dei migliori, di unità nazionale, di larghissima intesa. Che abbia a cuore gli Interessi nazionali in Europa e del made in Italy nel mondo. Chi deve cedere il passo? Neanche sarebbe il caso dirlo. Siamo seri. La Bellanova che piange per gli Immigrati da regolarizzare…
è fuori luogo e fuori posto. È inadeguata e pericolosa. La Azzolina col Plexiglas per i bambini è ridicola e pericolosa. Bonafede? Difficile da riconoscere. È troppo evidente che taccio. Taccio su Di Maio. Non mi piace vincere facile. A casa Signori. Si facciano avanti i Cottarelli, gli Imprenditori del Fare e le persone serie…che volendo ci sono.
MassimoLucidi.it

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

Il Geoscambio

Se viene accoppiato a solare termico e a fotovoltaico diventa virtualmente eterno e a costo di produzione energetica pari a zero.

Cuneo Fiscale: i lavoratori non sono tutti uguali

Negli ultimi mesi si è riacceso in Italia l’annoso dibattito sulla riduzione del cuneo fiscale e contributivo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e il netto che finisce intasca al lavoratore.