fbpx

Comunicato Stampa del 27 luglio 2022

Conte ha comunicato che lavorerà in totale appoggio delle Partite Iva. Conte ha danneggiato le Partite Iva tanto che noi Autonomi e Partite Iva abbiamo fatto, come ben tutti sanno, lo sciopero della fame con Sandra Milo Responsabile Nazionale Spettacolo incatenata davanti a Palazzo Chigi e ricorso alla Presidenza della Commissione Europea per discriminazione da parte del Governo Conte nei confronti di tutti gli Autonomi e Partite Iva, ottenendo così un giusto riconoscimento alla nostra istanza, con il risultato che i Bonus venissero aumentati da € 600 una tantum a € 2000/2500. Il Movimento Autonomi e Partite Iva si dissocia da tutti coloro che in queste ore si arrogano il diritto di rappresentare il nostro Movimento. Autonomi e Partite Iva andrà a sostenere la formazione politica che potrà garantire una effettiva tutela dei suoi appartenenti e sostenitori, portando così all’attuazione di un Ministero degli Autonomi e Partite Iva. Inoltre ad uno Sportello di supporto nei Comuni aderenti ed un Assessorato che li possa efficacemente rappresentare.

Facebook
WhatsApp

Ti potrebbe anche interessare:

La pressione fiscale uccide le imprese italiane

Dal 2023 partiranno i tagli per rientrare dal debito pubblico perché “ce lo chiede l’Europa” ma soprattutto, ci sarà la lotta all’evasione fiscale, ma di abbassare la pressione fiscale come “spada di Damocle” che affossa le imprese italiane non si parla.

Le imprese italiane condannate a chiudere

Oggi le imprese italiane sono sotto assedio, circondati: la pressione fiscale, mancanza di materie prime con gli aumenti oramai giornalieri, spaventoso l’aumento delle utenze, l’inflazione, il calo dei consumi, l’unica soluzione è la chiusura o se possono la delocalizzazione.