fbpx

Autonomi e Partite Iva

Come sopravvivono le piccole attività

Avere una piccola attività nell’era globalizzata vuol dire lottare costantemente contro grandi colossi dell’industria, aperture di nuovi centri commerciali e il forte potere dell’e-commerce.

Molti negozietti, anche storici, sono costretti ad abbassare le serrande stremati dalle fatiche di un mercato che li butta fuori. È difficile per questi lavoratori autonomi farsi strada tra gli orchi della burocrazia, del fisco e della concorrenza.

Ma se tante piccole realtà collassano ce ne sono altrettante che invertono la tendenza e chiudono i bilanci in positivo, con numeri sempre migliori. Come fanno?

La risposta è più banale di quanto si possa pensare: funzionano, semplicemente funzionano. Queste micro imprese, nei settori più disparati, che siano negozietti o altre attività, riescono a ritagliarsi la loro fetta di mercato e a far percepire i loro prodotti e servizi come “unici”. Il più delle volte hanno un rapporto molto diretto con i propri clienti e sanno farsi ricordare.

Le storie di Armando e Giulia

Vi facciamo degli esempi seguendo le storie di due piccoli imprenditori di successo.

La prima è quella di Giulia. Giulia cresce a pane e moda nella periferia di Padova. Compra la sua prima Singer a 13 anni e inizia a cucire i suoi abiti. Dopo gli studi fa pratica in due piccoli atelier del centro fino a quando, dieci anni fa, decide di mettersi in proprio. All’epoca Giulia ha solo 25 anni e a parte il suo talento non ha idea di come si gestisca un’attività. I primi anni sono molto duri: caos burocratico, poca clientela e spese alte. La giovane ragazza è molto vicina alla chiusura, ha perso 10 chili e non vede la luce in fondo al tunnel.

Una voce dentro al suo cuore, però, che le dice di proseguire perché ogni volta che è nel suo studio e prende la stoffa tra le mani il resto del mondo rimane fuori, si annulla, e i problemi scompaiono. Dopo qualche tempo le donne più benestanti della sua città si accorgono del suo talento, grazie anche ad attività di autopromozione che Giulia riesce a mettere in atto: partecipazione a eventi mondani, pubblicità presso i golf club, esposizione delle sue creazioni in ogni luogo ben frequentato. A oggi il suo atelier ha un fatturato sempre in ascesa, Giulia ha ripreso il suo peso, ha avuto il suo primo figlio e sa offrire alle sue fedeli clienti l’eleganza, la raffinatezza e il Made in Italy che cercano.

C’è poi il successo di Armando, proprietario di un negozietto di alimentari in una zona di Milano piena di superstore e supermercati. Armando gestisce la sua attività da trent’anni sempre nella stessa zona e ha vissuto appieno il cambiamento del mercato e l’avvento dei grandi supermercati nella sua zona. Ovviamente a livello di prezzi è impossibile competere con questi ultimi: le spese fisse e di acquisto dei prodotti che deve sostenere Armando non sono minimamente paragonabili a quelle di un superstore.

Nonostante questo il negoziante non solo è riuscito a sopravvivere, ma negli ultimi due anni ha anche aumentato il suo fatturato. Come? Facendo funzionare la sua attività per quello che è. Un piccolo alimentare non può puntare su prezzi bassi e ampia varietà di prodotti ma su valori come la familiarità, l’accoglienza e la specialità. Armando conosce i nomi e le esigenze di quasi tutti i suoi clienti, ogni settimana propone prodotti tipici regionali che fa assaggiare agli acquirenti e che sponsorizza in maniera informale con messaggi WhatsApp. Inoltre prima che i centri commerciali lo facessero, lui già portava la spesa al domicilio col suo furgoncino: un vero visionario nel suo campo, un grande lavoratore ed esempio per tutti. Il legame e il valore emozionale che ha creato negli anni con gli abitanti del suo quartiere supera i vantaggi che può offrire un asettico centro commerciale.

Essere unici

La domanda che si sono posti questi due piccoli (grandi) imprenditori è stata: cosa posso offrire di diverso al mio cliente?

Anche quando la concorrenza è spietata e sproporzionata (perché ci si trova davanti a colossi del mercato e multinazionali) i piccoli imprenditori di successo sanno capire il loro valore sul mercato. E ci sono valori che la grande distribuzione non potrà mai trasmettere: familiarità, alta qualità, precisione, unicità.

Condividi ora questo articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in

Il ritorno delle nazionalizzazioni

Da diverso tempo si sta assistendo ad un sempre più massiccio intervento dello Stato, attraverso anche l’utilizzo dei fondi di

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in

Il ritorno delle nazionalizzazioni

Da diverso tempo si sta assistendo ad un sempre più massiccio intervento dello Stato, attraverso anche l’utilizzo dei fondi di