fbpx

Autonomi e Partite Iva

SPID: i professionisti dovranno pagare

Dal giorno 1 dicembre 2019 potrà essere richiesta l’identità digitale SPID per uso professionale.

Il rilascio dello SPID per professionisti però, a differenza di quello per i «semplici» cittadini, sarà a pagamento. È quanto prevedono le linee guida per il rilascio dell’identità digitale a uso professionale, emanate dall’AgID (Agenzia per l’Italia digitale) lo scorso 6 novembre. 

Lo SPID consentirà a tutti i lavoratori autonomi, legati a un ordine e non, di interfacciarsi ai servizi della PA presentandosi come professionisti e non come semplici cittadini. In questo modo, commercialisti, avvocati e consulenti del lavoro, ma anche i professionisti ex lege 4/2013, potranno accedere ai servizi dell’Inps o dell’Agenzia delle entrate a loro riservati con un unico codice di riconoscimento.  

Condividi ora questo articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in

Il ritorno delle nazionalizzazioni

Da diverso tempo si sta assistendo ad un sempre più massiccio intervento dello Stato, attraverso anche l’utilizzo dei fondi di

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in

Il ritorno delle nazionalizzazioni

Da diverso tempo si sta assistendo ad un sempre più massiccio intervento dello Stato, attraverso anche l’utilizzo dei fondi di