fbpx

La fatica delle piccole imprese: Italia ancora spaccata in due

L’occupazione è tornata ai livelli di dieci anni fa prima che scoppiasse la più lunga recessione dal dopo guerra. Le esportazioni hanno ripreso a svilupparsi, tanto da fare concorrenza anche al colosso tedesco.

In alcune aree del Nord, i redditi pro-capite sono al livello delle regioni più avanzate d’Europa. Nonostante ciò l’Italia rimane in fondo alla classifica che, all’atto pratico, conta più di tutte. Siamo ultimi per livelli di produttività (+0,14% all’anno negli ultimi sette anni, fanalino di coda dei paesi dell’Ocse). Gli ultimi dati Istat ci confermano che il tasso di disoccupazione nel Mezzogiorno (19.04%) è tre volte quello del Nord (6.9%) e circa il doppio del Centro (10%). E mentre mezza Italia, delle mappe Istat, sta uscendo dalla crisi con livelli di occupazione tornati vicini a quelli del 2008(66.7% al Nord e 62.8% nel centro), il Sud resta nella palude!

Condividi ora questo articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lavoriamo per il nostro futuro

Vi elencheremo i vari punti che porteremo in dialogo alle istituzioni attuali e cercare di lavorare per renderli concreti per

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in

Lavoriamo per il nostro futuro

Vi elencheremo i vari punti che porteremo in dialogo alle istituzioni attuali e cercare di lavorare per renderli concreti per

La nuova spinta all’edilizia

Per cercare di fronteggiare la crisi finanziaria e produttiva che affligge la nostra economia, il legislatore ben ha pensato di

Storia di un eroe moderno

Una donna o un uomo con la partita Iva. L’eroe si alza tutte le mattine senza sapere quando andrà in